Vittoria ai rigori

Catania, stadio “Angelo Massimino”
Martedì, 16.10.2018 ore 20:30
CATANIA-TRAPANI 3-1 (0-0)
Catania (4-2-3-1): Pisseri, Ciancio, Aya, Silvestri, Baraye (1′ st Calapai); G. Rizzo (32′ pt Biagianti), Angiulli (32′ st Bucolo), Barisic (17′ st Vassallo), Lodi, Manneh, Marotta (32′ st Curiale). In panchina: Pulidori, Fabiani, Lovric, Scaglia, A. Rizzo, Llama, Brodic. Allenatore: Sottil.
Trapani (4-3-3): Dini, Scrugli, Mulè, Pagliarulo, Ramos, Costa Ferreira (16′ st Toscano), Taugourdeau, Corapi, Golfo, Evacuo (36′ st Dambros), Tulli (16′ st Nzola). In panchina: Kucich; Ingrassia, Garufo, Canino, Da Silva, D’Angelo, Aloi, Girasole, Ferretti. Allenatore: Italiano.
Arbitro: Daniele Amabile di Vicenza.
Reti: 3′ st Lodi (rig), 6′ st Marotta, 16′ st Lodi, 26′ st Golfo.
Note: spettatori 12.916 (6.026 paganti, 6.890 abbonati), incasso 71.302 euro. Espulso al 46’st Vassallo per somma di ammonizioni. Ammoniti Taugourdeau, Silvestri. Angoli 4-3 per il Trapani. Recupero: 2′; 4′.


Gran derby deciso dai rigori: il Trapani sbaglia la massima punizione nel suo momento migliore, il Catania si sblocca traformando in gol la propria occasione dal dischetto e porta la gara dalla sua parte dilagando.

Spesso si parla di cinismo quando una squadra tiene botta per un tempo al cospetto di un avversario che gioca meglio, ma poi vince, svegliandosi grazie ad un episodio favorevole. In realtà, nel caso del Catania, la vittoria con l’ex capolista Trapani è di quelle che servono doppiamente: danno la carica dei tre punti, ma anche la consapevolezza di dover lavorare ancora molto per imporsi in un campionato insidioso come quello di terza serie.

Nel primo tempo dello scontro fra titani del girone meridionale, il centrocampo proposto da Sottil non funziona e il Trapani ha buon gioco nel limitare Lodi. Se Evacuo realizzasse alla mezzora il rigore del possibile vantaggio ospite, o Pisseri non fosse puntuale in anche solo una delle tante occasioni in cui è impegnato, probabilmente i rossazzurri andrebbero irrimediabilmete sotto, sebbene anche loro gettino alle ortiche un paio di buone occasioni per realizzare. Si tratta però di occasioni estemporane, quali un errato disimpegno che ha lanciato in porta Marotta, e un tiro dalla distanza di Angiulli annullato dalla traversa.

La storia non si fa con i se e con i ma, soprattutto nel calcio, così la ripresa il copione cambia all’improvviso. Il rigore realizzato da Lodi è stato subito raddoppiato da un bella azione personale di Marotta (aiutato dal portiere ospite), e poi triplicato dallo stesso Lodi che ha concluso in rete una confusa azione nell’area granata festeggiando nel migliore dei modi la 150ma partita col Catania. Al 60′ è virtualmente chiusa, la restante mezzora porta in dote solo il gol della bandiera di Golfo per il Trapani, l’espulsione record di Vassallo (due gialli in poche decine di secondi) e un po’ di leziosità da evitare nel prossimo futuro.

Tutto è bene quel che si traduce in punti in classifica e la classifica parla adesso di un terzo posto in condominio con tre gare ancora da recuperare. Non male davvero.

Dichiarazioni post-gara

Vincenzo Italiano (allenatore del Trapani): “Una sconfitta che non ho digerito. Purtroppo giocavamo contro una buona squadra ed eravamo riusciti a creare molto nel primo tempo. Poi non so cosa è successo e devo lavorarci. Andiamo a casa con una prestazione ottima ma, non conquistando punti. I nostri avversari sono stati bravi a sfruttare i nostri errori”.

Andrea Sottil (allenatore Catania): “Complimenti al Trapani perchè ci ha messo in difficoltà nel primo tempo, in cui non siamo riusciti a giocare e a essere aggressivi. Poi ho cambiato qualcosa nell’intervallo e così grazie al palleggio abbiamo preso campo. I ragazzi hanno seguito le indicazioni e dopo aver passato un momento difficile sono venuti fuori vincendo una gara difficile. Dobbiamo migliorare sulle transizioni positive per respirare in senso tattico e non fisico. Dispiace per Rizzo che si è lussato il gomito e poi c’è anche l’infortunio di Barisic, due notizie non belle al termine di una serata splendida”.

Statistiche

Statistiche Catania-Trapai 3-1 del 16.10.2018

Precedente Un tempo per parte Successivo Brividi da cui imparare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.