Quando non conta solo il risultato

Catania-Racing Fondi 1-1
Racing Fondi Logo
Non bisogna fasciarsi la testa per un pari interno all’esordio contro una squadra che non ambisce al salto di categoria. Anche se in casa si dovrebbe fare percorso netto e cominciare con un successo è sempre meglio per tanti motivi.
Come mi aspettavo, non c’era nessun motivo razionale per sperare in una gara agevole. Se si riuscirà a mantenere questo livello di gioco e a costruire sempre un buon numero di occasioni da rete difficilmete il Racing Fondi di turno se la caverà. Intendiamoci, gli ospiti non hanno rubato nulla e hanno anzi avuto l’occasione del sorpasso neutrlaizzata benissimo da Pisseri. Ed anche prima di subire la rete di Curiale avevano sfiorato il gol.

Ma Lodi ha procurato ai nostri attaccanti molte occasioni da rete che gridano vendetta. Lucarelli sostiene che Ripa e Curiale non sono ancora in forma, e c’è da augurarsi che abbia ragione e che la preparazione sia stata studiata per venire fuori “col freddo” come si diceva una volta, e non crollare a primavera come è stato nelle ultime stagioni. Fra le buone notizie c’è il centrocampo, tallone d’Achille della passata stagione e reparto chiave per ogni suffragare ogni ambizione. Le incognite Da Silva e Lodi hanno dato le prime, rassicuranti, risposte.

Staremo a vedere, intanto questa squadra sembra avere carattere e non essere disposta a uscire dal campo senza aver sudato, dunque è probabile che piacerà ai suoi tifosi.
Già i tifosi. Era in seimila la “Massimino”. Nonostante tutto c’è tutta la volontà di aiutare i rossazzurri a tornare in alto.

Precedente Il silenzio dei rei confessi Successivo In trasferta...al "Massimino"

Lascia un commento

*