Il Catania ricomincia da tre

Rende-CataniaRende, Stadio “Marco Lorenzon”
29.09.2018, ore 16:30

RENDE-CATANIA 1-2 (1-1)
Rende (3-4-3): Savelloni; Germinio, Minelli, Sabato (1′ st Calvanese); Viteritti (22′ st Godano), Franco, Awua, Blaze ; Gigliotti(7′ st Giannotti), Rossini, Vivacqua. In panchina: Palermo, Borsellini, Maddaloni, Cipolla, Sanzone, Di Giorno, Laaribi. Allenatore: Modesto.
Catania (4-2-3-1): Pisseri; Calapai, Aya, Silvestri, Scaglia (11′ st Baraye); Biagianti (11′ st Bucolo), G. Rizzo; Barisic, Lodi, Manneh (23′ st Vassallo); Curiale (35′ st Brodic). In panchina: Pulidori, Fabiani, Lovric, Angiulli, Mujikic, Esposito, A. Rizzo. Allenatore: Sottil.
Arbitro: Maranesi di Ciampino
Reti: 13′ pt Manneh, 31′ pt Awua, 38′ st Silvestri.
Note: spettatori 468 per un incasso di 2.825 euro. Ammoniti: Awua, Viteritti, Angiulli, Curiale. Angoli: 6-3. Recupero: 2′, 5′.

Dopo un ritiro precampionato protrattosi per ben 79 giorni a causa delle tristi vicende giudiziarie che hanno messo a nudo le miserie del calcio italiano, il Catania torna agli affari di campo conquistando una meritata vittoria sul difficile campo dell’indomito Rende, protagonista di tre successi nelle prime tre giornate del torneo che hanno visto gli uomini di Sottil relegati al ruolo di spettatori.

Come leoni usciti di gabbia, così li aveva immaginati il tecnico etneo nelle dichiarazioni pregara, i rossazzurri aggrediscono gli avversari e vanno presto a segno con Manneh, abile a sfruttare un involontario assist di Curiale, servito da Lodi nel cuore dell’area.
Abbandonata la prudenza iniziale il Rende guadagna però subito campo e sfiora il pari prima con una girata volante di Rossetti e poi con una conclusione di Vitiritti. Allo scoccare della mezzora è un tiro non forte ma preciso di Awua riequilibrare il punteggio. Galvanizzato dal gol il Rende insiste e prima dello scadere del primo tempo arriva ad un passo dal vantaggio con Gigliotti, la cui conclusione a rete mette a dura prova i riflessi di Pisseri, e con Vivacqua, che trova sulla sua strada un Aya in vena di miracoli.

L’intervallo spezza però il ritmo dei padroni di casa che nella ripresa faticano a rendersi pericolosi, soprattutto dopo i primi cambi. Il Catania controlla agevolmente e con una fiammata nel finale segna il gol da tre punti. E’ Lodi che prima guadagna un angolo con una pregevole conclusione neutralizzata a fatica da Savelloni, e poi mette sulla testa di Silvestri il pallone del successo.

Il Catania e i suoi tifosi non avevano modo migliore che vincere per riconciliarsi con il calcio giocato. Ora ppuntamento al “Massimino” sabato prossimo per unire le forze contro la rognosa Vibonese del presidente Caffo e del tecnico Orlandi.

Dichiarazioni post partita

Andrea Sottil (tecnico del Catania): “Era il peggior avversario che potessimo incontrare, al termine di un mese e mezzo di inattività. Il Rende è una squadra che corre tanto ed è in forma. So che dobbiamo migliorare fisicamente e nel gioco, però mi è piaciuto molto l’atteggiamento dei ragazzi, è stata una classica partita di serie C. Questa vittoria ci da una grande iniezione di autostima, è proprio in questi campi che dimostri quanto vali.”

Francesco Modesto (tecnico del Rende): “Se avessimo concretizzato di più magari avremmo raccontato un’altra partita, però il calcio è questo. Dico comunque bravi ai ragazzi per la prestazione sul piano del gioco e dell’aggressività contro un Catania che possiede tanti calciatori di qualità ed è allenato da un tecnico di spessore. Un ko immeritato secondo me. Nel secondo tempo siamo stati un pò lenti a girare palla, ma bisogna anche dire bravi agli avversari che si sono messi bene in campo portando a casa i tre punti.”

Statistiche

Rende-Catania statistiche

Precedente In trasferta...al "Massimino" Successivo Gli spietati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.